“Bandiere e Primavere”: al via le riprese del nuovo film del regista sipontino Stefano Simone

0
361

Al via le riprese del nuovo film del regista sipontino Stefano Simone, “Bandiere e Primavere”, tratto dal libro omonimo scritto da Salvatore Castrignano, compianto sindacalista.  Il film ripercorrerà un periodo di tempo, oggetto  del libro, collocato tra gli anni settanta e ottanta, in una Manfredonia che assurge a simbolo del Meridione d’Italia, ispirandosi  agli ideali e alla partecipazione sociale descritti, punti di partenza per il raggiungimento di migliori condizioni di lavoro e di vita.

Il regista consolida il connubio scuola/cinema attraverso una nuova collaborazione con l’I.I.S.S. Statale Toniolo che già in passato si prestò ad un altro suo importante lavoro, “Fuoco e fumo”, un lungometraggio sul dramma del bullismo. Alla luce del riscontro positivo avuto in quell’occasione, che ha permesso di sperimentare la potenza del cinema sui ragazzi sia dal punto di vista educativo-emozionale, che didattico, l’Istituto sarà il teatro di posa principale del film.

Per un lavoro così importante non poteva mancare un cast d’eccezione, tra cui volti noti del teatro nostrano e non solo. Alcuni nomi: GianPio Guerra, Tonino Lurdo, Giusy Triggiani  Chiara Lurdo, Ivano Latronica, Matteo Perillo e Tonino Potito. Un ruolo importante sarà affidato al giovanissimo Alessandro Leone, alunno dell’I.I.S.S. Toniolo, che in contemporanea con il suo impegno con l’emittente radiofonica Rete Smash, dove conduce la trasmissione “Young Rete Smash”, si dedicherà alla recitazione e darà il suo contributo anche dietro le quinte.

La sceneggiatura del film è firmata da Matteo Simone, padre del regista, sulla base del libro autobiografico di Salvatore Castrignano.  Le musiche saranno composte da Luca Auriemma, senza dubbio un valore aggiunto per una virtuosa realizzazione del film.

Non ci resta che augurare a tutta la troupe un buon lavoro, in attesa di scoprire altri particolari su di un film che potrà diventare un riferimento nel suo genere e trasmettere con immediatezza il valore propositivo del libro a cui è ispirato.

Stefania Consiglia Troiano