Esito: negativo! Il più bel regalo di Natale

Esito: Negativo, la speranza!

0
621

Il regalo più bello per questo Natale?
Esito tampone Covid19: Negativo.
Mentre c’è chi si dispera perché questo Natale non lo festeggerà come sempre, c’è chi come Monica, nome di fantasia, che spera solo nell’esito negativo al quarto tampone di suo marito e suo figlio; tutti e quattro i componenti risultarono positivi al tampone.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Monica e abbiamo scambiato due chiacchiere.

Monica dalla quotidianità al sospetto di un eventuale contagio da Covid, siete in quattro in famiglia, (tu, tuo marito e i due bambini), chi ha fatto il tampone, dove e dopo quanti giorni vi è stato comunicato il risultato”?

-“All’inizio sembrava una banale influenza, il medico di base è stato molto paziente ci aveva detto di non allarmarsi e che ci saremmo sentiti giornalmente. E così è stato per fortuna. Dopo i primi due giorni anche altre persone con cui eravamo in contatto avevano gli stessi sintomi e così il medico ha attivato la procedura. Dopo qualche giorno ci siamo recati a San Marco per effettuare il tampone e a causa delle tante richieste il risultato è arrivato dopo 3 giorni. Appena avuto l’esito positivo siamo cascati tutti in una grande angoscia, è un virus maledetto del quale si conosce poco e soprattutto l’evolversi è veramente variegato. Ognuno temeva per l’altro che da un momento all’altro la situazione potesse aggravarsi e precipitare e ci preoccupavamo di come avrebbero reagito i bambini, pregavamo ogni giorno che la situazione restasse uguale al giorno precedente o di vedere un minimo miglioramento”.

“Dal momento dell’esito positivo , come avete reagito, qual era il vostro stato di salute e dopo quanto tempo il secondo tampone?”

-“Tante sono le cose brutte l’angoscia di un peggioramento della malattia, il termometro che passava di ascella in ascella per controllare l’evolversi della temperatura, la stanchezza e nonostante quella comunque continuare a fare la mamma e il papà. Per fortuna i bambini hanno avuto un’evoluzione veramente blanda e dopo 15 giorni abbiamo fatto il tampone di riscontro dove io e il bimbo più piccolo siamo risultati negativi, mentre mio marito e l’altro bimbo ancora positivi. Per quello che concerne la nostra esperienza, per quanto i servizi sanitari fossero affollati da richieste, comunque siamo riusciti ad avere un minimo contatto per prenotare i tamponi successivi.
“Come vi siete organizzati, avete avvertito la presenza delle istituzioni”?

“Il fatto di dover stare chiusi in casa e dipendere da tutti per una spesa, per un’esigenza del bimbo piccolo, per i farmaci e ogni volta dovrei dire grazie alla gente che ti bussava la porta lasciandoti ciò che ti serviva con la paura di potersi contagiare. Voglio spezzare una lancia a favore di chi lavora presso i servizi sanitari che molto spesso non vengono ascoltati quando magari chiamano i contatti dei positivi per fare il tampone, aggiungerei ‘roba da pazzi’ sottovalutare una situazione e un virus così pericoloso”.
“Dopo quanti tamponi tu e tuo figlio siete risultati negativi?

-“al terzo tampone”.
“Tuo marito e tuo figlio sono in attesa di un altro tampone, quali le preoccupazioni e le speranze?”

-“Mio marito e mio figlio sono ancora in attesa di un nuovo tampone il quarto per la precisione, speriamo che si siano negativizzati”.
“Dopo questo ‘liberi tutti’ cosa ti senti di raccomandare ai nostri lettori e quale messaggio vuoi augurare”?

“Io Dopo questa esperienza vissuta in casa di un mese e mezzo mi sento di dire che anche se chi ci governa ha dato la possibilità di spostarsi prima di Natale di girare per la strada noi dobbiamo avere una grande coscienza e soprattutto dobbiamo proteggere noi stessi e i nostri cari restando a casa e Muoversi solo per gli spostamenti necessari. Purtroppo la gente che non l’ha passato e pensa che questa situazione sia lontana ma, in realtà è veramente dietro Voglio lanciare un messaggio a tutta la gente dicendo che per questo Natale il regalo più grande che possiamo farci e fare è restare a casa e ancora vedere i nostri nonni, i nostri genitori seduti al tavolo con noi il prossimo Natale, per me desidero il regalo più bello, che al prossimo tampone mio marito e mio figlio risultino negativi”.

Ff

foto di stamattina del Drive through di Manfredonia