Giovanni Vergura sull’impianto di trattamento della plastica: “Non temiamo alcun confronto, bene la discussione ma non si alimentino falsità”

0
708

Dopo l’incendio di martedì scorso che ha scosso la popolazione di Manfredonia e ha fatto riaccendere i riflettori su una questione molto delicata, ovvero l’impianto del trattamento della plastica nelle piana di Macchia, il presidente del Consiglio Comunale di Monte Sant’Angelo, Giovanni Vergura, si affida ai social per tranquillizzare la comunità.

L’impianto di trattamento della plastica che si intende realizzare nell’area industriale di Monte Sant’Angelo viene descritto in queste settimane come il male assoluto a cui vogliono giungere gli “squilibrati” amministratori di Monte.

Comprendo le preoccupazioni dei cittadini di Monte e Manfredonia che hanno vissuto sulla propria pelle le conseguenze negative legate all’inquinamento ambientale, ma bisogna anche considerare che l’impianto che si intende realizzare nella zona industriale sarà rispettoso dell’ambiente e della salute dei cittadini. Infatti, lo stesso rientra nell’ambito della programmazione che la Regione Puglia da circa quindici anni ha avviato sull’economia circolare.

Speculare sull’incendio dei giorni scorsi per opporsi all’insediamento dell’impianto di trattamento della plastica è come affermare che non bisogna più acquistare automobili poiché, qualora venissero incendiate, potrebbero causare inquinamento ambientale.
La vera sfida sarà quella di giungere a maggiori insediamenti presso l’area industriale proprio per contrapporre uno sviluppo sano alle devianze della criminalità organizzata.

Molto spesso si ha la tendenza a opporsi, senza nemmeno entrare nel merito, a qualsiasi intervento di sviluppo; bisogna tener sempre presente che lo sviluppo
di un territorio passa anche attraverso una corretta gestione del ciclo dei rifiuti.
Il Comune di Monte Sant’Angelo non è amministrato da una banda di scellerati che non bada alla salute dei propri cittadini e di quelli dei comuni limitrofi; le nostre comunità negli anni hanno condiviso diverse iniziative che ci hanno consentito di superare molte situazioni negative che avrebbero pregiudicato per
sempre le sorti del nostro territorio, sarebbe da irresponsabili non continuare a farlo solo perché c’è chi vuole strumentalizzare per fini elettorali – sia a Monte che a Manfredonia – un argomento così delicato.
Ad alcuni concittadini, divulgatori seriali di odio e di notizie false, dico solo una cosa: non svenderemo mai il nostro territorio e la salute dei nostri concittadini per fare carriera politica, come fatto in passato da altri!

Come già riferito dal Sindaco Pierpaolo d’Arienzo (già presidente di Legambiente sez. Monte Sant’Angelo), appena sarà consentito, verranno pubblicate tutte le informazioni e saranno dati – in pubblica sede – i dovuti chiarimenti su tutta la
progettualità.

Non temiamo il confronto poiché non abbiamo nulla da nascondere, saremo
pronti ad affrontare qualsiasi discussione democratica, ma chi pensa che con la menzogna e le falsità si possa fermare lo sviluppo del nostro territorio dovrà ricredersi.
Nel rispetto dell’ambiente e della salute continueremo ad immaginare un futuro migliore”.