Il Reddito di Cittadinanza incassa la fiducia di Draghi, conferma dai pentastellati

0
397

Il Reddito di Cittadinanza incassa la fiducia del Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi: lo ha dichiarato Vito Crimi commentando l’incontro di qualche ora fa che si è tenuto tra l’ex Presidente della BCE e la delegazione del Movimento 5 Stelle in vista della formazione del nuovo Governo.
Incontro al quale hanno preso parte sia Beppe Grillo che Giuseppe Conte ed era presente anche Davide Casaleggio. Il Movimento 5 Stelle a gran completo si è detto disponibile a sostenere il Governo Draghi, ma ad alcune condizioni. È stato Vito Crimi, capo politico ad interim dei 5 Stelle, a dare le prime anticipazioni in merito al reddito di cittadinanza facendo intendere che il loro appoggio al nuovo Governo fosse anche subordinato alla conservazione di questa misura.
A tal proposito, Crimi ha dichiarato che Draghi si è dimostrato sensibile al tema del Reddito di Cittadinanza, smentendo quindi coloro che ritenevano che nell’agenda nel nuovo Premier ci fosse la cancellazione della misura, o comunque un ritorno al reddito di inclusione.

Poi bisognerà capire chi sarà il prossimo Ministro del Lavoro, il quale dovrà decidere in merito alla politica attiva collegata al Reddito di Cittadinanza. Per adesso tra i nomi più papabili ci sono Tito Boeri ed Enrico Giovannini (che Ministro del Lavoro lo è già stato) ed entrambi in diverse interviste hanno sottolineato l’importanza di investire in questo aspetto.