Perugia, bimbo di 6 anni annega a bordo piscina: ipotesi malore, il piccolo sapeva nuotare

0
132

Un bambino di 6 anni è morto intorno alle 15 di oggi, giovedì 15 luglio, annegando nella piscina di una struttura ricettiva nella prima periferia di Città di Castello, dove stava frequentando un campo estivo. Sul posto sono immediatamente scattati i soccorsi da parte degli adulti presenti, gli stessi che hanno subito dato l’allarme al 118: il personale sanitario ha tentato per oltre un’ora di rianimare il bimbo, ma gli sforzi si sono rivelati inutili.L’ipotesi è che il piccolo sia stato colti da un malore fatale, anche se, stando a quanto risulta, non soffriva di nessuna patologia.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti i carabinieri della compagnia locale, che stanno tentando di ricostruire la dinamica di quanto accaduto, coordinati dal sostituto procuratore Giuseppe Petrazzini, che ha già provveduto a nominare Massimo Lancia medico legale. Soccorritori, carabinieri e medici stanno cercando di ricostruire la dinamica della tragedia.

Il bambino, infatti, è stato trovato senza vita vicino al bordo della piscina e potrebbe esserci dunque scivolato dopo un malore, tanto più che il piccolo sapeva nuotare e la vasca dell’agriturismo non è di grandi dimensioni. Sarà comunque l’autopsia che la procura di Perugia disporrà nelle prossime ore a chiarire le cause del secondo dramma in piscina nel giro di pochi giorni, costato di nuovo la vita a un bambino.

Domenica scorsa, infatti, a Panicarola di Castiglione del Lago ha perso la vita una piccola di 7 anni colpita da un malore che le è stato fatale mentre si trovava all’interno della piscina gonfiabile all’interno del giardino di casa. (Fonte Fanpage)