Puglia in zona bianca dal 14 giugno. Regole e calendario

0
788

Da ieri bianche Veneto, Liguria, Umbria e Abruzzo. Dal 14 giugno Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia, Puglia e Trentino.
Dal 7 giugno coprifuoco a mezzanotte, abolito dal 21 giugno

Da ieri, altre quattro regioni sono entrate in zona bianca: sono Veneto, Abruzzo, Liguria e Umbria. Lo ha deciso venerdì scorso il ministro della Salute Roberto Speranza dopo il monitoraggio settimanale dell’Iss che ha certificato il rispetto del parametro decisivo: incidenza di casi settimnali ogni 100mila abitanti sotto i 50 per tre settimane consecutive. Queste quattro regioni si aggiungono a Sardegna, Molise e Friuli Venezia Giulia.

Da lunedì 14 giugno saranno queste regioni ad allentare le restrizioni: Lazio, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, provincia di Trento e Puglia. Per potere centrare il traguardo dovranno mantenersi soto i 50 casi nel monitoraggio che l’Iss diffonderà venerdì 11 giugno. Ad oggi, valutando la media mobile a 7 giorno tutte hanno le carte in regole: Lazio (26), Lombardia (26), Piemonte (29), Emilia Romagna (25), provincia di Trento (28) e Puglia (28). Quindi possiamo già dire che tutte passeranno in bianco.

Praticamente tutta Italia sarà bianca, ad eccezione della Val d’Aosta, il 21 giugno. Quel giorno – se i dati saranno confermati nei prossimi due monitoraggi di 11 e 18 giugno – raggiungeranno le tre settimane anche Calabria (41), Campania (37), Marche (32), Provincia autonoma di Bolzano (33), Sicilia (40), Toscana (31) e Basilicata (33). 

Resta la Val d’Aosta che dovrà attendere il 28 giugno per completare le tre settimane. Oggi la media mobile è dedisamente migliorata: l’incidenza è calata a 34. Decisivi i monitoraggi di 11, 18 e 25 giugno.


Zona bianca: le regole
Cosa potranno dunque fare da oggi le regioni entrate in zona bianca? Vediamo insieme le poche regole tenendo presenti che obbligo di mascherine e distanziamento restano.

Coprifuoco. La prima grande novità è che non c’è più il coprifuoco. Ci si potrà quindi spostare senza limitazioni di orario.

Visite a parenti e amici. Una limitazione resta: Si potrà andare a trovare parenti e amici in un massimo di sei persone oltre i figli minorenni.


Piscine al chiuso. Mentre in zona gialla riapriranno il primo luglio, in zona bianca riaprono sempre rispettando i protocolli di sicurezza.

Bar e ristoranti. All’aperto nessun limite alle tavolate. All’interno allo stesso tavolo al massimo sei persone. Limitazione che non vale nel caso di due nuclei familiari.

Sale giochi e scommesse. Riaprono.

Cerimonie e banchetti. Possibili in zona bianca i banchetti, dopo le cerimonie civili o religiose (matrimoni o cresime per esempio). Ma i partecipanti devono avere il green pass.

Discoteche. Per ora vietato ballare in pista.