Storie di ordinaria discriminazione nel mondo dello sport: la pallavolista Lara Lugli citata per danni perchè in attesa

0
355

Parlare dei diritti delle donne una sola volta all’anno è davvero troppo riduttivo in un paese come il nostro, complice di una cultura e di un sistema che non sa dare alle donne la dignità di cui hanno diritto e che le costringe a subire ogni sorta di disparità.

Abbiamo deciso di raccontarvi la storia della pallavolista Lara Lugli, che ha militato in squadre di Serie A (Ravenna, Firenze, Sassuolo, Casalmaggiore) passando anche dalla nostra ASD Volley Manfredonia dei bei tempi, per sottolineare come oggi c’è poco da festeggiare, specie quando ci si trova di fronte a realtà retrogradi e discriminanti come questa.

L’atleta, forte schiacciatrice, nata a Carpi nel 1980, sceglie questa giornata per denunciare una brutta vicenda che la vede suo malgrado, protagonista e lo fa attraverso un post pubblico sul suo profilo Facebook.

“FESTA DELLA DONNA 2021
Che il Covid19 lasci conseguenze neurologiche nei casi più gravi è ormai un dato di fatto, non mi è noto se i soggetti interessati di questa vicenda ne siano stati affetti, pertanto lascio il beneficio del dubbio.

Nel campionato 2018/2019 giocavo per la Asd Volley XXXXX, rimango incinta il 10/03 comunico alla Società il mio stato e si risolve il contratto. Il 08/04 non sono più in stato interessante per un aborto spontaneo.

Questa la breve storia triste.

Peccato che non sia breve poiché a distanza di due anni, vengo citata dalla stessa Società per DANNI, in risposta al decreto ingiuntivo dove chiedevo il mio ultimo stipendio di Febbraio (per il quale avevo interamente lavorato e prestato la mia attività senza riserve).
Le accuse sono che al momento della stipula del contratto avevo ormai 38 anni (povera vecchia signora) e data l’ormai veneranda età dovevo in Primis informare la società di un eventuale mio desiderio di gravidanza, che la mia richiesta contrattuale era esorbitante in termini di mercato e che dalla mia dipartita il campionato è andato in scatafascio.
Ora…non ero a conoscenza del fatto che il mio procuratore usasse puntare un arma da fuoco alle tempie dei presidenti per firmare un qualsiasi contratto, stupida io che credevo che inviasse semplicemente una mail con le condizioni e qualora venissero ACCETTATE seguisse una firma.
Poi…viene contestato l’ammontare del mio ingaggio troppo elevato ma poi accusi che dopo il mio stop la posizione in classifica è precipitata e gli sponsor non hanno più assolto i loro impegni. Ordunque il mio valore contrattuale era forse giusto?
Inoltre…chi dice che una donna a 38 anni, o dopo una certa età stabilita da non so chi, debba avere il desiderio o il progetto di avere un figlio?
Che mi prenda un colpo…non è che per non adempiere ai vincoli contrattuali stiano calpestando i Diritti delle donne, l’etica e la moralità?
Scusate l’ironia su un fatto GRAVISSIMO come questo, ma non so in quale altro modo affrontare la cosa.
Ammeto che alla lettura di quanto orridamente scritto, tra ‘altro da un’avvocatessa, sia stata pervasa da un profondo senso di sdegno e volgare incazzatura, ma il Signore ha voluto che la stessa sera avessi allenamento e dopo 5 minuti che ero in palestra con la mia squadra e complice il bagherone del giovedì il sorriso tornasse sulla mia faccia. Ah perché se non lo sapete gioco ancora a 41 anni suonati e nessuno mi ha ancora trascinata per i capelli su un rogo.
Il fatto grave comunque rimane perché anche se non sono una giocatrice di fama mondiale questo non può essere un precedente per le atlete future che si troveranno in questa situazione, perché una donna se rimane incinta non può conferire un DANNO a nessuno e non deve risarcire nessuno per questo. L’unico danno lo abbiamo avuto io e il mio compagno per la nostra perdita e tutto il resto è noia e bassezza d’animo.
Ciao cari L.L.”

La Redazione di Rete Smash rivolge i suoi auguri più sinceri di ogni bene alla bravissima pallavolista Lara, con l’auspicio che nessuno possa mai più permettersi di chiedere ad una donna un risarcimento danni per essere rimasta incinta.