Verdi Manfredonia: la conversione di Rotice sulla via… di palazzo San Domenico

0
425

Correva l’anno 2019, in particolare i primi di dicembre e dopo i panettoni di Menale ai tifosi del Manfredonia calcio di qualche anno prima, la città riceveva un panettone avvelenato dal membro, nominato dall’ex sindaco Riccardi, nel comitato di gestione dell’Autorità Portuale Gianni Rotice. Difatti lo stesso inviava al presidente Emiliano, una lettera per manifestare il proprio assenso al progetto ENERGAS. Il risultato è stato che le associazioni no ENERGAS chiesero ed ottennero la sua revoca. 

Evidentemente la pandemia mondiale ha dato tempo per riflettere al novello San Paolo, se ora improvvisamente mostra la sua contrarietà al progetto. Purtroppo noi siamo scettici, come San Tommaso, per rimanere nella metafora evangelica, e non gli crediamo. 

In questi mesi tanti politici, a partire dal ministro Cingolani, hanno espresso la loro posizione sulla conversione ecologica: pura e semplice risciacquata verde. La stessa che si vuol dare il candidato Rotice, novello Greta Thunberg.

Per noi può tornare a cementificare il territorio, anzi no, noi verdi e i cittadini di Manfredonia gli impediremo di continuare a fare danni.

Alfredo De Luca coportavoce di Europa Verde – Verdi di Manfredonia